Pagina 470 di 470 primaprima ... 370420460466467468469470
Visualizzazione dei risultati da 7,036 a 7,043 su 7043

Discussione: L'ultimo film che avete visto?

  1. #7036
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Registrato dal
    09/03/05
    residenza
    On the road
    Messaggi
    41,711
    Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar. Visto ieri sera al cinema. Migliore dell'ultimo della saga, che secondo me non c'entrava Molto. Johnny Depp riesce sempre a dare quel tocco dissacrante e divertente che fa la differenza rispetto a un qualsiasi film di pirati.
    Membro del consiglio degli admin
    Corresponsabile dei rapporti con l'utenza
    Moderatore Salute, alimentazione, omeopatia
    Moderatore Chalet delle Rose


    Tempus fugit

    Salmone inside


    Ci sono novità, ci sono notti che per niente al mondo perderei... e la curiosità, e quello che ci porterà...

  2. #7037
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Registrato dal
    17/07/06
    residenza
    Empoli
    Messaggi
    44,313
    Mamma mia gente che bellissimo film mi son visto ieri pomeriggio.....

    L'ospite inatteso

    Un film di Thomas McCarthy. Con Richard Jenkins, Haaz Sleiman, Danai Jekesai Gurira, Hiam Abbass, Marian Seldes. continua» Titolo originale The Visitor.

    Un film delicato e acuto, un cinema civile e personale.

    Opera seconda di Tom McCarthy, sceneggiatore, regista e altrove anche attore, L'Ospite inatteso ruota attorno alla figura di Richard Jenkins, perfetto "ordinary man", che fa economia sulla propria vita, cercando di restare legato al passato attraverso uno strumento -il piano- per cui non è portato, salvo scoprire accidentalmente di avere un cuore che batte ancora, al ritmo di un tamburo africano. Ma il concerto è ancora agli inizi che già deve lasciare il posto allo sconcerto, di fronte al trionfo dell'ordine e dei suoi burocratici esecutori.
    Se nel precedente The Station Agent, vittorioso al Sundance, l'autore portava in scena un trio fuori dal mondo, qui i personaggi sono sì dei diversi, innanzitutto l'uno per l'altro (e Mouna non può non notare quanto sia nera Zainab), ma sono al contempo rappresentanti comuni della cittadinanza della metropoli contemporanea, suoi ospiti in entrambi i sensi di marcia.
    Il senso di lutto che si respira nel film non è marginale né è un retaggio del passato dei protagonisti ma è la constatazione presente e progressiva della morte di un valore di accoglienza e di libertà che l'America si diceva orgogliosa di incarnare. Ad Ellis Island, dove si passava per diventare cittadini, ora si passa per essere schedati, trattenuti, rispediti al mittente. Non è più tempo di parlare di "green card" in chiave di commedia, ma è sempre tempo di portare la macchina da presa nelle strade e di mostrare la città quale è.
    Qui Tom McCarthy fa un cinema civile e personale, delicato, sentimentale, non refrattario allo svolazzo di fantasia ma documentato e determinato. Apparentemente un fiume che scorre tranquillo, L'Ospite inatteso vive di correnti sotterranee agitate, mostra e persino dimostra, ma rigorosamente con le sole armi del cinema: una sceneggiatura forte e un gruppo di attori, fortunatamente, più forti di lei.

    http://www.mymovies.it/dizionario/re...e.asp?id=56115
    amate i vostri nemici

  3. #7038
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Registrato dal
    17/07/06
    residenza
    Empoli
    Messaggi
    44,313
    I vantaggi dei turni notturni al lavoro, consistono nel fatto che di pomeriggio su RaiMovie si possono vedere bellissimi films d'autore....

    La voce del silenzio
    Un film di Michael Lessac. Con Kathleen Turner, Tommy Lee Jones, Parl Overall Titolo originale House of Cards

    Sally ha cinque anni e ha subìto il trauma della morte accidentale del padre. Ha reagito chiudendosi in una grave forma di autismo. Inoltre cade spesso in una forma di sonnambulismo che la porta a muoversi in luoghi pericolosi come i tetti. La madre tende a negare questo problema finché viene messa dinanzi all'evidenza. Lo psichiatra che prende in cura Sally la convincerà che la bambina ha soprattutto bisogno del suo affetto.

    http://www.mymovies.it/dizionario/re...e.asp?id=27930
    amate i vostri nemici

  4. #7039
    Opinionista L'avatar di follemente
    Registrato dal
    22/12/09
    residenza
    Al mare
    Messaggi
    900
    La tenerezza, un film di Gianni Amelio con Elio Germano e Micaela Ramazzotti, ambientato a Napoli: mi ero aspettata molto di più, viste le recensioni, ed invece mi ha deluso.

  5. #7040
    Opinionista L'avatar di follemente
    Registrato dal
    22/12/09
    residenza
    Al mare
    Messaggi
    900
    L’inganno di Sofia Coppola, premiata come miglior regista al festival di Cannes, con Nicole Kidman, Kristen Dunst e altri. La vicenda in sé non mi ha attratto molto, ma l’aspetto più interessante, oltre la regia, riguardava l’arrivo di un soldato ferito a un collegio femminile, dove scatena egoismi e rivalità senza precedenti, pulsioni sensuali e sessuali. Non dico di più, nel caso qualcuno volesse vederlo.

  6. #7041
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Registrato dal
    09/03/05
    residenza
    On the road
    Messaggi
    41,711
    Sono andata a vedere Cars3 al cinema. Mi è piaciuto meno dei primi due, però.
    Membro del consiglio degli admin
    Corresponsabile dei rapporti con l'utenza
    Moderatore Salute, alimentazione, omeopatia
    Moderatore Chalet delle Rose


    Tempus fugit

    Salmone inside


    Ci sono novità, ci sono notti che per niente al mondo perderei... e la curiosità, e quello che ci porterà...

  7. #7042
    Opinionista L'avatar di follemente
    Registrato dal
    22/12/09
    residenza
    Al mare
    Messaggi
    900
    Hokusai al British Museum

    Questo meraviglioso documentario propone un tour all'interno della mostra londinese dedicata a Hokusai, il celebre artista giapponese che ha rivoluzionato l'arte occidentale influenzando in particolar modo gli impressionisti e pittori quali Vincent Van Gogh, Pablo Picasso e Claude Monet.

    Ancora due giorni al cinema.

  8. #7043
    Opinionista L'avatar di follemente
    Registrato dal
    22/12/09
    residenza
    Al mare
    Messaggi
    900
    Al cinema Il palazzo del Viceré, film di genere biografico, drammatico, storico, diretto da Gurinder Chadha.

    “A seguito della decisione britannica di rinunciare al possesso dell'India, che notoriamente nel 1947 ottiene l'indipendenza, l'ultimo incarico politico nella futura ex colonia da parte di Sua Maestà è affidato a Lord Mountenbatten nella veste di viceré: si tratta di gestire la delicata transizione del Paese verso la propria autonomia. L'aspetto più complesso è rappresentato dal conflitto apparentemente insolubile fra induisti, musulmani e sikh, che si rifiutano di convivere pacificamente in una stessa nazione nonostante gli insegnamenti di Ghandi.”

    Il film mi è parso interessante soprattutto perché Chadha ha tentato di dar voce anche alla gente comune, alle tensioni fra le varie comunità religiose (che ad un tratto si vedono divise da un nuovo confine fra India e Pakistan), ai drammi personali, sebbene la storia d’amore fra due giovani di confessioni religiose diverse mi è sembrata scontata.
    Giudizio nel complesso positivo, nonostante alcune scene melense.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •