Pagina 6 di 6 primaprima ... 23456
Visualizzazione dei risultati da 76 a 86 su 86

Discussione: I pericoli per la famiglia dall’ideologia gender

  1. #76
    Questo lavoro di apertura in certi ambienti viene considerato sbagliato in quanto potrebbe "confondere" le virgulte menti spingendole verso l'abisso della depravazione distogliendole dai ruoli fissati in altizzimo loco, stabiliti per ora e per l'etenita'
    Ultima modifica di meogatto; 20-08-2016 a 17:11

  2. #77
    abstract L'avatar di Yele
    Registrato dal
    16/08/16
    residenza
    terre piatte
    Messaggi
    3,067
    Quote Originariamente inviata da SilviaR Visualizza il messaggio
    Perdonami, l'unico genere che conosco si chiama essere umano, che poi si classifichi come gay, trans, etero ecc, a me non importa un bel niente
    a parte che il gusto sessuale non c'entra con l'identità di genere

  3. #78
    Ovvero per esempio?

  4. #79
    Sylvia L'avatar di SilviaR
    Registrato dal
    10/03/12
    residenza
    Etna
    Messaggi
    1,139
    Quote Originariamente inviata da Yele Visualizza il messaggio
    a parte che il gusto sessuale non c'entra con l'identità di genere
    La prima finalità che si pone la scuola dell'infanzia è quella di promuovere lo sviluppo dell'identità dei bambini anche attraverso la sperimentazione di diversi ruoli e forme di identità: figlio, alunno, compagno, maschio, femmina, ecc.
    Pertanto la promozione dello sviluppo del proprio essere femmina o maschio è uno dei doveri della scuola, ma per promozione dello sviluppo, io intendo, che si rispetti il naturale evolversi delle cose senza forzare in alcun modo la mano.
    Io sono il problema e io la soluzione
    "L'attesa del piacere è essa stessa il piacere" G.E.L

  5. #80
    Sylvia L'avatar di SilviaR
    Registrato dal
    10/03/12
    residenza
    Etna
    Messaggi
    1,139
    Quote Originariamente inviata da meogatto Visualizza il messaggio
    Questo lavoro di apertura in certi ambienti viene considerato sbagliato in quanto potrebbe "confondere" le virgulte menti spingendole verso l'abisso della depravazione distogliendole dai ruoli fissati in altizzimo loco, stabiliti per ora e per l'etenita'
    Mi sono espressa male. Per apertura non intendo confondere le idee dei bambini con chissà quali pensieri o insinuazioni, ma aiutarli a vedere il mondo senza condizionamenti e con la mente aperta ad accettare la "diversità". Gli adulti fungono da filtro attraverso cui conoscere il mondo. Pertanto se io adulto non vedo la diversità perché non esiste, trasmetterò questa mia visione del mondo ai bambini. Il termine diverso non esiste. Se io sono convinta che siamo tutti diversi e unici, lo trasmetterò anche senza volerlo ai piccoli. Prima vanno educati i grandi e dopo i piccoli
    Io sono il problema e io la soluzione
    "L'attesa del piacere è essa stessa il piacere" G.E.L

  6. #81
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Registrato dal
    17/04/10
    residenza
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    11,577
    Quote Originariamente inviata da meogatto Visualizza il messaggio
    Ovvero per esempio?
    per esempio, una mia grande amica che è lesbica, ma molto "femminile", come altre del suo giro, anche se non si addobba da seduttrice;

    in effetti, siamo tutti sfumature di grigio, a prescindere dai gusti; io sono etero e ho un aspetto abbastanza tradizionalmente "virile", pur non essendo di mio una bomba di testosterone;
    altri sembrano portuali di Brest e sono gayissimi

    ci sono persone nate con un apparato genitale di un genere, ma con un profilo ormonale e psicologico diverso;
    quello che i bigotti chiamano "ideologia gender" - che non esiste - è solo una raccomandazione a non forzare ruoli e atteggiamenti come "dovuti", per evitare che si creino sensi di colpa, inadeguatezze e circostanze di sofferenza o bullismo nei confronti di chi non è conforme ad uno standard;

    mi sembra una cosa sacrosanta;
    se la ritrovo, posto la foto di un opuscolino che è stato censurato dagli ossessi del gender perché si mostravano il papà e la mamma alle prese con attività non consone allo standard, tipo il papà che stirava
    c'è del lardo in Garfagnana

  7. #82
    Infatti sul grigio volevo arrivare, perche' sarebbe ragionevole assecondare le tendenze comunque pendano, mentre i tradizionalisti vorrebbero i neri e i bianchi ben separati con i grigi ripitturati.

    Per altro verso, per me, e' lidentita' mentale a contare e, se quella fisica se ne discosta, e' solo un orpello in piu', anche se puo' esserci la tentazione di cambiare il cervello ritenendolo piu' modellabile del corpo e piu' discreto di un fattore che ha una sua evidenza impattante in prima analisi.

  8. #83
    abstract L'avatar di Yele
    Registrato dal
    16/08/16
    residenza
    terre piatte
    Messaggi
    3,067
    Quote Originariamente inviata da meogatto Visualizza il messaggio
    Ovvero per esempio?
    un gay non è un "uomo" ?

  9. #84
    il gender non esiste, esistono le teorie queer
    Dolce e chiara è la notte e senza vento.

  10. #85
    Quote Originariamente inviata da Yele Visualizza il messaggio
    un gay non è un "uomo" ?
    Dipende da cosa si piglia a riferimento per definire l'identita' sessuale.
    Il punto di riferimento e' una definizione, normalmalmente scelta' per praticita', ma che non ne invalida altre.

  11. #86
    Quote Originariamente inviata da Yele Visualizza il messaggio
    un gay non è un "uomo" ?
    certo che si
    Dolce e chiara è la notte e senza vento.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •