Pagina 59 di 61 primaprima ... 94955565758596061 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 871 a 885 su 907

Discussione: Ma cos cattiva, poi, la morte?

  1. #871
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Registrato dal
    09/12/09
    residenza
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    10,081
    Quote Originariamente inviata da axeUgene Visualizza il messaggio
    è lo stratagemma usato dai preti per trattenere i credenti scettici: credi in Dio, il nostro, ma su ciò che ti lascia scettico ti lasciamo riflettere, sperando che ti venga l'illuminazione; basta che non ti metti di punta a contestare gli articoli di fede ed il nostro diritto a farli valere; che è il motivo per cui il 95% non viene scomunicato;
    un sistema geniale, perfetto per i mediterranei, inclini a pensare che le leggi sono relative, come i limiti di velocità, i semafori, gli scontrini, ecc...


    no, è proprio una disposizione ideologico-dottrinaria; il cattolico può essere in itinere, avere fede in Dio, ma essere scettico sul soprannaturale;
    su quest'ultimo, i gerarchi gli consentono un'adesione scettica, che può essere condizionabile dalla volontà, posta la fede in Dio;
    mica scemi i preti; è un modo per disgiungere ed elasticizzare ciò che sarebbe indigeribile per l'uomo moderno, non una questione di gap cognitivi; di fatto -e anche nella teologia "alta" gli articoli del Credo, quelli discutibili, sono lasciati in sospeso come tensione al voler credere, lasciando galleggiare lo scettico, senza porlo con le spalle al muro, ma tenendolo "politicamente" vincolato; è il gran trucco della religiosità mediterranea, che dovrebbe ovviare al radicalismo della Riforma, che abolisce tout court le gerarchie dottrinarie;


    no, nel senso che l'interruzione della catena di necessità logica dall'alto, per cui, ammesso un dio, non c'è modo di dedurre una legge vincolante e uniforme, anche a partire dalle stesse scritture, funziona anche in senso inverso, e cioè che l'incongruenza della narrazione teologica e del sistema precettizio non inficia di per sé la stessa fede, perché la catena di necessità logica si interrompe a quello stadio;

    il percorso è:
    a) credere in un dio;
    b) credere che quel dio abbia comunicato attraverso scritture;
    c) dedurre una legge vincolante da quelle; e questo è il nodo critico di tutto il sistema, perché la linguistica, l'ermeneutica e la deontologia sono scienze;

    se l'approccio ai punti a) e b) può essere adattato per trovare una coerenza, niente si può per il punto c) ma, al contrario, risalendo ai punti a) e b) si incontra un'elasticità che "protegge" il nucleo di quelle credenze dagli scossoni che provengono dal piano di sotto.
    Sto seguendo su FB alcune conferenze del dott. Biglino. Praticamente sta facendo, a livello di conoscenze e competenze ben più elevato, quel che aveva già fatto Voltaire nel Dizionario filosofico, ossia trattare la Bibbia dal punto di visto filologico, come si fa di solito per ogni opera dell'antichità. I risultati sono a dir poco sconvolgenti. Particolarmente impressionante è stato il dibattito pubblico coi teologi, cattolici e no: nessuno è stato in grado di smentire o confutare le conclusioni dello studioso torinese, anzi a un certo punto il rabbino gli ha dato ragione, asserendo che gli ebrei hanno sempre saputo che la Bibbia non parla di Dio, ma di Jahve, che è cosa ben diversa.Ha definito la Bibbia dei settanta, su cui si basa il Cristianesimo, la peggior sciagura dell'umanità, e stavolta è stato Biglino a dar ragione a lui. Il fatto che essa presenta taroccamenti e travisamenti del testo ebraico di portata sostanziale. Riporta, tra i tanti esempi, la traduzione della famosa profezia di Isaia su Gesù: nel testo ebraico è scritto chiaro e tondo che una GIOVANE DONNA (che si dovrebbe tradurre in latino puella) HA PARTORITO quello là; nel testo greco della Bibbia dei settanta la puella diventa PARTHENOS (vergine) e il verbo passa misteriosamente al futuro. Chi si vuol divertire con la resurrezione della carne, l'eternità, il dio onnipotente e altre amenità dogmatiche che il Vecchio Testamento non riporta in un solo versetto, avrà materiale in abbondanza su cui meditare. Intanto ci si sta muovendo attivamente per impedire a Biglino di continuare a parlare.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  2. #872
    Ma chi, Biglino quello degli alieni?
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  3. #873
    Quote Originariamente inviata da Pazza_di_Acerra Visualizza il messaggio
    Sto seguendo su FB alcune conferenze del dott. Biglino. Praticamente sta facendo, a livello di conoscenze e competenze ben più elevato, quel che aveva già fatto Voltaire nel Dizionario filosofico, ossia trattare la Bibbia dal punto di visto filologico, come si fa di solito per ogni opera dell'antichità. I risultati sono a dir poco sconvolgenti. Particolarmente impressionante è stato il dibattito pubblico coi teologi, cattolici e no: nessuno è stato in grado di smentire o confutare le conclusioni dello studioso torinese, anzi a un certo punto il rabbino gli ha dato ragione, asserendo che gli ebrei hanno sempre saputo che la Bibbia non parla di Dio, ma di Jahve, che è cosa ben diversa.Ha definito la Bibbia dei settanta, su cui si basa il Cristianesimo, la peggior sciagura dell'umanità, e stavolta è stato Biglino a dar ragione a lui. Il fatto che essa presenta taroccamenti e travisamenti del testo ebraico di portata sostanziale. Riporta, tra i tanti esempi, la traduzione della famosa profezia di Isaia su Gesù: nel testo ebraico è scritto chiaro e tondo che una GIOVANE DONNA (che si dovrebbe tradurre in latino puella) HA PARTORITO quello là; nel testo greco della Bibbia dei settanta la puella diventa PARTHENOS (vergine) e il verbo passa misteriosamente al futuro. Chi si vuol divertire con la resurrezione della carne, l'eternità, il dio onnipotente e altre amenità dogmatiche che il Vecchio Testamento non riporta in un solo versetto, avrà materiale in abbondanza su cui meditare. Intanto ci si sta muovendo attivamente per impedire a Biglino di continuare a parlare.
    Guarda che ne avevo già parlato quando cono sosteneva a spada tratta la verginità, prima durante e dopo, di Maria, e in quell'occasione dissi anche che Isaia si riferiva alla moglie del re che in quel momento governava Israele.
    Adesso perché lo dice Biglino ha un senso, ma quando lo dissi io no?

  4. #874
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Registrato dal
    09/12/09
    residenza
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    10,081
    Quote Originariamente inviata da crepuscolo Visualizza il messaggio
    Guarda che ne avevo già parlato quando cono sosteneva a spada tratta la verginità, prima durante e dopo, di Maria, e in quell'occasione dissi anche che Isaia si riferiva alla moglie del re che in quel momento governava Israele.
    Adesso perché lo dice Biglino ha un senso, ma quando lo dissi io no?
    Non ti avevo letto, se no ti avrei dato ragione...
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  5. #875
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Registrato dal
    09/12/09
    residenza
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    10,081
    Quote Originariamente inviata da Vega Visualizza il messaggio
    Ma chi, Biglino quello degli alieni?
    La questione è un po' più complessa. Documentati che poi ne parliamo.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  6. #876
    Quote Originariamente inviata da Pazza_di_Acerra Visualizza il messaggio
    Non ti avevo letto, se no ti avrei dato ragione...
    Di niente, ma mi hai confuso credevo fosse il gatto, hai preso il suo avatar?

  7. #877
    ma avrà il suo tornaconto economico anche Biglino , già ci costa la chiesa ora paghiamo la Bibbia e l'antibibbia , qualcun altro che si fa avanti ?

  8. #878
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Registrato dal
    09/12/09
    residenza
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    10,081
    Quote Originariamente inviata da dietrologo Visualizza il messaggio
    ma avrà il suo tornaconto economico anche Biglino , già ci costa la chiesa ora paghiamo la Bibbia e l'antibibbia , qualcun altro che si fa avanti ?
    Non credo. Ha perso il lavoro alla San paolo. Poi non si tratta di antibbia, ma della Bibbia vera: Biglino riporta quel che c'è realmente scritto, dall'alto della sua conoscenza dell'ebraico, che il 95% dei teologi cattolici non conosce.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  9. #879
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Registrato dal
    17/07/06
    residenza
    Empoli
    Messaggi
    44,313
    Quote Originariamente inviata da Vega Visualizza il messaggio
    Chi ha negato l'impatto della religione nella storia? Io non di certo. Non mistificare per favore. Qui si sollevano dubbi su entità sovrannaturali che creano e guidano l'uomo.
    Sono più di 12 anni che li sollevi
    Parli continuamente di Lui, ogni giorno, pur negando la Sua esistenza: Ma ti rendi conto la contraddizione?
    amate i vostri nemici

  10. #880
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Registrato dal
    17/07/06
    residenza
    Empoli
    Messaggi
    44,313
    Quote Originariamente inviata da axeUgene Visualizza il messaggio
    pretendere di negare Dio è una sciocchezza, esattamente come pretendere di affermarlo;

    non credo che Vega neghi l'impatto della religione nella storia, come fenomeno mondano; nessuno lo può negare; ma non è che se centinaia di milioni di persone credono all'astrologia questa afferma cose vere; è vera, nel senso che è vero che la gente ci crede, come ha creduto a tante cose;

    ognuno può credere in quel che gli pare; il problema è quando qualcuno si presenta e dice che "Dio vuole, propone, ecc...", ma sta solo esprimendo la sua opinione, o quella dei capi di una fede o confessione, che vale quanto quella di Arcobaleno, di Vega, Mia, anche se tu hai - appunto - opinione diversa;

    è proprio l'impatto sulla storia, di cui tu rivendichi la significatività, che te lo dimostra: esattamente 5 secoli fa un uomo ha posto fine al monopolio dottrinario della tua chiesa; è un fatto incontrovertibile, che ha cambiato il sentimento di tutti, in un modo o nell'altro; guarda Arcobaleno, nato cattolico e istruito da cattolici, che ti contende le interpretazioni;
    5 secoli fa avresti assistito al suo rogo; oggi è libero, come tutti noi, perché è stato abbattuto il monopolio della dottrina; non è un grande impatto della religione, che ha creato la società laica e liberale ?
    Non c'è mai stato nessun monopolio, Axe: Altrimenti per quale motivo Cristo stesso avrebbe predetto ai Suoi Apostoli persecuzioni, incomprensioni e violenze? E molti, nella Storia, hanno intrapreso e ancora intraprendono il percorso inverso a quello che dici, passando da altre fedi al Cristianesimo....da ateismo e agnosticismo al credere nel Dio fattosi Uomo per Amore!
    amate i vostri nemici

  11. #881
    Quote Originariamente inviata da conogelato Visualizza il messaggio
    Sono più di 12 anni che li sollevi
    Parli continuamente di Lui, ogni giorno, pur negando la Sua esistenza: Ma ti rendi conto la contraddizione?
    Mi contaddirei se dicessi un giorno sì e uno no che dio c'è e poi non c'è.
    È l' invadenza e l'ingerenza della credulità che spesso è un problema, dall'imporre precetti divini, soldi ingurgitati agli antivaccinisti & c.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  12. #882
    Non credo che qualcuno imponga qualcosa a qualcun altro, forse sei tu che lo credi.
    Anche la chiesa, nonostante tutto, sta diventando, o forse è costretta, sempre più democratica.

  13. #883
    A chiacchiere!
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  14. #884
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Registrato dal
    17/04/10
    residenza
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    11,336
    Quote Originariamente inviata da conogelato Visualizza il messaggio
    Non c'è mai stato nessun monopolio, Axe: Altrimenti per quale motivo Cristo stesso avrebbe predetto ai Suoi Apostoli persecuzioni, incomprensioni e violenze? E molti, nella Storia, hanno intrapreso e ancora intraprendono il percorso inverso a quello che dici, passando da altre fedi al Cristianesimo...
    guarda che ti sto esattamente facendo presente la circostanza storica per cui i cristiani - tra cui una maggioranza di teoricamente cattolici - negano il magistero e l'autorevolezza in concreto della tua chiesa, intrepretano il messaggio in modo opposto, e non col sentimento di essere peccatori, in errore, ma proprio attribuendosi la facoltà di discernere in proprio;

    in Italia, anche solo pochi decenni fa era una circostanza impensabile; anche il solo matrimonio civile era qualcosa che implicava un ostracismo sociale, essere additati come peccatori in qualsiasi ambiente che non fosse quello di una metropoli; ne ho io stesso memoria diretta; figuriamoci tutto il resto...
    c' del lardo in Garfagnana

  15. #885
    Quote Originariamente inviata da Vega Visualizza il messaggio
    A chiacchiere!
    Accidenti, hai ragione, non mi permetterò più di prendere le difese della chiesa.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •